Diario dal Congo 2015, terzo giorno!

Standard

T812316603_6921529008324275715erzo giorno
Domenica

Oggi è giorno di festa, non solo perché è giorno di riposo ma perché il ferragosto congolese viene festeggiato proprio in questa giornata. Così cerchiamo di mettere gli abiti più decenti che abbiamo e partecipiamo alla messa nella piccola cappellina della missione. Una festa in piena regola tra danze e canti tipici, intervallati dalle letture, e non piano piano ci lasciamo travolgere dal ritmo incalzante di bonghi e chitarre circondati dai piccoli occhietti dei bimbi che ci osservano.

La mattinata prosegue con una camminata nell’aperta campagna circostante la missione, una sconfinata terra rossa con piccoli arbusti, alberi di banane,palme e meravigliose canne di bambù sparse qua e là. All’orizzonte un verde sgargiante contrasta con il resto del panorama, una distesa zona erbosa dove pascolano delle mucche vicino a un fiume.
Poi ci imbattiamo in tre pozze d’acqua nelle quali, veniamo a sapere, viene pescato il Tilapia che quasi ogni sera viene servito nei nostri piatti.
Le escursione proseguono nel pomeriggio con un giro nel quartiere e la visita nell’ospedale e nella maternità della missione dove troviamo 3 piccoli bebè nati da qualche giorno. Il nostro “passare ” non rimane inosservato, siamo “muzungu” (bianchi ) che agli occhi dei bambini incutono inizialmente un po’ di timore( molti di loro non hanno mai visto uomini dalla pelle chiara dal vivo) mentre per gli adulti siamo celebrità con cui fare foto da condividere con gli amici. Per chi di noi invece è la seconda o terza volta che torna in missione, siamo amici che dopo tanto tempo e distanza si rivedono e si riabbracciano, allora la gioia è indescrivibile.
Quando rientriamo in Missione, la corrente non c’è più, è già la quarta volta che oggi salta. Ormai è sera e l’unica nostra fonte di luce sono candele e torce. Ma nulla ci ferma, in programma c’è un ottimo minestrone con le verdure dell’orto da preparare. Ci armiamo di brace, candele e pentolone… Non sarà stato facile ma di quella zuppa è rimasto solo il fondo!!

 

Leave a Reply