Messaggio di Padre Marcellino per la serata di presentazione dell’Associazione.

Standard

Lubumbashi, 07. 11. 2013.

 “ASSOCIAZIONE AMICI DI PADRE MARCELLINO”.
MESSAGGIO A CONGONAUTI, MEMBRI DELL’ASSOCIAZIONE E TUTTI I SIMPATIZZANTI DELLA MISSIONE “LES BUISSONNETS”

padremarcellinoCari amici e amiche di San Marino e di altrove nel mondo, congo-nauti, fondatori, membri e tutti i simpatizzanti,  il P. Marcellino vi manda un torrente di saluti da Lubumbashi. Vorrei serrare le mani a ciascuno, chiamarvi tutti per nome e tutti stringere in un forte abbraccio.  

La mia immaginazione e la magia della tecnologia moderna mi permette di essere presente, vedervi e sentirvi in diretta anche a migliaia di chilometri di distanza. Il mio cuore soprattutto sobbalza ed è in mezzo a voi in questa felice ricorrenza.

Siete convocati e riuniti nella grande sala di Domagnano per celebrare uno storico evento che sarà punto di riferimento per l’avvenire: il lancio ufficiale della nuova ‘Associazione Amici di P. Marcellino’, cioè Amici della Missione “Les Buissonnets”. (Continua a leggere…)

Che cosa poter dire, cosa aggiungere alla vostra, nostra festa?  Avete una serata piena zeppa di eventi e sorprese… Nella ‘scaletta’ avete previsto anche una parola dal missionario, e questo è anche ovvio e doveroso.

Ecco dunque per voi qualche pensiero che mi è frullato nella mente:

1. La fiamma che arde in questo momento nel vostro cuore sia sostenuta da un fuoco robusto capace di sfidare anni e generazioni. Non lasciate languire questa preziosa fiamma; trovate sempre nuovi incentivi per tenerla ben desta e guizzante, sia a livello umano e sociale, come a livello spirituale ed evangelico. E’ necessario che la lampada si mantenga costantemente accesa con una buona riserva di olio… I vari responsabili, anche negli anni e generazioni avvenire, dovranno dar mostra di creatività e ingegnosità; e voi tutti associati, sempre disponibili al fianco di coloro che negli anni saranno eletti quali responsabili, per sostenerne le iniziative che a mano a mano s’imporranno.

2. E’ importantissimo sentirsi tutti uniti, fare blocco, anche lasciando cadere qualcuna delle preferenze individuali, che certamente non mancheranno di fondamento e valore. L’unione

deve  consolidarsi anche attraverso il confronto leale e rispettoso delle idee: dal cozzo delle idee, infatti, scaturisce la luce e la verità. Una volta emersa una via, tutti insieme, implicando l’apporto di tutti, mano nella mano, andiamo fino in fondo, nonostante gli ostacoli e le difficoltà che si potrebbero incontrare. “Wote pa moja”… Lo ricordate? Tutti per uno! Tutti insieme!

Gli antichi romani, dominatori del mondo conosciuto ai loro tempi, dicevano: “Vis unita fortior”! ‘La forza unita, è più forte’! Al contrario, divisione e disaccordo, è segno di debolezza: “Divide et impera”! Saremo forti anche quando il vento ci sarà contrario, quando dovremo collezionare  rovesci, delusioni e dispiaceri…Inghiottire dei bocconi amari…  Lo scoraggiamento potrebbe attenderci all’angolo della strada… Tutto questo, però, fa parte del’giuoco’…

San Paolo preferiva la metafora del corpo e ne fa appello varie volte nelle sue lettere. In quella ai Romani (cap. 12, versetto 5), esorta i cristiani di quell’antica comunità a essere un solo corpo, anche nella pluralità delle membra; ciascuno sentirsi membro gli uni degli altri e collaborare per la crescita dell’insieme.

Permettetemi di servirmene indirizzandomi a voi: anche l’Associazione è un corpo composto di varie membra, cioè tutti voi. Insieme collaborate alla la crescita dello stesso corpo che è l’Associazione.

Attenzione! Il corpo umano, al suo centro, ha il membro più importante che non può assolutamente mancare, il Cuore, cioè: l’Amore! Senza l’Amore, i martiri avrebbero rinunciato di versare il loro sangue, gli apostoli di predicare, i missionari di andare in terre lontane, i sacerdoti di celebrare, i profeti di profetizzare, ecc… Teresa di Gesù Bambino, Patrona dell’Associazione, ha trovato il suo posto nella Chiesa proprio nel Cuore: “nel Cuore della Chiesa sarò l’Amore”! E così lei con l’Amore poteva raggiungere tutto, essere tutto: apostolo, dottore, profeta, sacerdote, martire e missionaria… L’Amore è tutto, arriva a tutto, comprende tutto…L’Amore vero, è eterno!

Cari amici e amiche, membri tutti della nostra Associazione, cercate di trovare il vostro posto proprio nel ‘cuore’; allora farete meraviglie! Abbiate un cuore molto grande, un amore dilatato alla dimensione del mondo… all’infinito di Dio!

Ciao! Ancora saluti e auguri di grande festa…

Vostro missionario

P. Marcellino Forcellini Claudio.

 

Leave a Reply